Josè Saramago e Leonardo Sciascia
I ROMANZI e le FAVOLE di Nicoletta - Con la FANTASIA puoi essere Ovunque e Chiunque
RSS Segui Diventa fan

Articoli recenti

Perché si dice...?
Finalisti premio STREGA 2014
MO YAN
Povero lupo
ELIZABETH GEORGE

Categorie

Divagazioni
ESORDIENTI
EVENTI
fantascienza
favole
Giallo
Grandi di ogni epoca
Libri e libri
Lingua italiana
Modi di dire
neologismi
NOVITA' IN LIBRERIA
Ora
paranormale
PAROLE DIFFICILI
Scrittori
Viaggio nella scrittura
Video
powered by

Il blog di Nicoletta Niccolai

Josè Saramago e Leonardo Sciascia

Cosa hanno in comune due letterati diversissimi come Josè Saramago e Leonardo Sciascia
Una statua bronzea a grendezza naturale eretta in loro ricordo nei rispettivi paesi natali. Saramago è intento a leggere sulla panchina di un pubblico parco ad Azinhaga.
Questo è il discorso che, ancor vivo, tenne per l’inaugurazione della statua 
 Sto lì, al centro dello spiazzo, con un libro in mano, a guardare chi passa. Mi hanno fatto un po’ più grande del normale, immagino affinché mi si veda meglio. Non so per quanti anni starò lì. Ho sempre detto che il destino delle statue e' di essere rimosse, ma, in questo caso, voglio immaginare che mi lasceranno in pace, uno che e' tornato in pace alla sua terra per due volte, come la persona che è e, da oggi, come anche il bronzo che e' passato a essere. Nonostante la mia immaginazione alcune volte mi abbia fatto cadere nei deliri piu' assurdi, non si e' mai spinta ad ammettere che un giorno mi avrebbero dedicato una statua nella terra in cui sono nato. Cosa ho fatto perché questo accadesse? Ho scritto alcuni libri, ho portato con me, in giro per il mondo, il nome di Azinhaga e, soprattutto, non ho mai dimenticato chi mi ha generato ed educato: i miei nonni e i miei genitori. Di loro ho parlato a Stoccolma di fronte a un'illustre platea e sono stato capito. Quello che vediamo degli alberi è soltanto una parte, importante, senza dubbio, ma che non sarebbe nulla senza le sue radici. Le mie, quelle biologiche, si chiamano Josefa e Jeronimo, Jose' e Piedade, ma ce ne sono altre che sono posti, luoghi, Casalinho e Divisoes, Cabo das Casas e Almonda, Tejo e Rabo dos Cagados, si chiamano anche olivi, salici, pioppi e frassini, barche da caccia che navigano sul fiume, fichi carichi di frutti, maiali portati a pasteggiare, e alcuni, ancora suinetti, che dormono nel letto con i miei nonni per aiutarli a non morire di freddo. Di tutto questo sono fatto, tutto questo e' entrato nella composizione del bronzo in cui mi hanno trasformato. Ma, attenzione, non c'e' stata un'autocreazione naturale. Senza la volontà, lo sforzo e la tenacia di Vitor Guia e di José Miguel Correia Noras la statua non sarebbe lì. Dal più profondo della mia gratitudine lascio loro qui un abbraccio, da estendere a tutto il popolo di Azinhaga, alle cui cure lascio quest'altro suo figlio che io sono.
da: “La Stampa”,  19 giugno 2010.

Lungo il corso Garibaldi, la via principale di Racalmuto (AG), si incontra la statua di bronzo raffigurante Leonardo Sciascia, nato in questa cittadina nel 1921. L’artista Beppe Agnello ha rappresentato lo scrittore a grandezza naturale nell’atto di camminare sul marciapiedi, in mezzo ai suoi concittadini.


0 commenti a Josè Saramago e Leonardo Sciascia:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment