Corriere dei Piccoli
I ROMANZI e le FAVOLE di Nicoletta - Con la FANTASIA puoi essere Ovunque e Chiunque
RSS Segui Diventa fan

Articoli recenti

Perché si dice...?
Finalisti premio STREGA 2014
MO YAN
Povero lupo
ELIZABETH GEORGE

Categorie

Divagazioni
ESORDIENTI
EVENTI
fantascienza
favole
Giallo
Grandi di ogni epoca
Libri e libri
Lingua italiana
Modi di dire
neologismi
NOVITA' IN LIBRERIA
Ora
paranormale
PAROLE DIFFICILI
Scrittori
Viaggio nella scrittura
Video
powered by

Il blog di Nicoletta Niccolai

Corriere dei Piccoli

IL CORRIERE DEI PICCOLI UN MESSAGGIO PEDAGOGICO TRA FAVOLE E FUMETTI  

Gente che ha superato gli… anta, ricordate il mitico “Corriere dei piccoli”? Io non ne perdevo un numero, quanti fumetti, quante letture interessanti. 
Secondo me oggi manca una pubblicazione simile per i nostri bambini e ragazzi, sul "corrierino le storie erano scritte per giovani lettori di tutte le età e, oltre a divertire, avevano uno scopo educativo.

Ho trovato alcune immagini 



 Ecco una carrellata di personaggi. 

Il Signor Bonaventura con il verde avversario Barbariccia (il cattivo delle storie)

Il Signor Bonaventura è un personaggio dei fumetti nato nel 1917 dalla fantasia di Sto (Sergio Tofano) ed apparso sulle pagine del Corriere dei Piccoli per svariati decenni.
Bonaventura, pupazzo dalla caratteristica marsina e bombetta rossa, i larghi pantaloni bianchi ed il fedele cane bassotto al fianco, era lo strampalato eroe di gaie avventure che lo vedevano quasi sempre squattrinato all'inizio e milionario alla fine.
 Il Signor Bonaventura fece la sua prima comparsa il 28 ottobre 1917 sul numero 43 del Corriere dei Piccoli, il supplemento per bambini del Corriere della Sera. Si trattava di un fumetto a tutta pagina composto da otto vignette, ciascuna corredata da un testo in versi.
Il successo del Signor Bonaventura fu immediato e da quel momento fece la sua comparsa ininterrottamente ogni settimana per ben ventisei anni, fino al 1943, diventando uno dei fumetti di maggior successo della prima metà del Novecento. Dopo la guerra le pubblicazioni vennero riprese, per poi essere ridotte progressivamente nel corso degli anni cinquanta e cessare definitivamente negli anni sessanta.
Negli anni ottanta il personaggio è stato ripreso dal disegnatore Carlo Peroni.




E il Sor 
Pampurio








Bibi, Bibò e il capitan Cocoricò, 










senza dimenticare la Tordella




Arcibaldo e Petronilla
Ispirato dalla rappresentazione teatrale “The Rising Generation”, George McManus (1882-1954) diede vita il 12 gennaio 1913 alle vicende umoristiche di una litigiosa coppia borghese americana: Arcibaldo e Petronilla (Jiggs & Maggie).

Sulle pagine dell’American Journal prese così forma la serie intitolata "Bringing up Father", incentrata sullequotidiane diatribe della bizzarra coppia, dalle quali Arcibaldo usciva quasi sempre malcioncio e acciaccato a causa delle botte ricevute dalla combattiva, dispotica e arrogante mogliettina Petronilla.
Di origine irlandese, bonario di natura, Arcibaldo ha fatto la sua fortuna in America dove è emigrato e si è arricchitograzie ad una vincita alla lotteria. In numerose occasioni è costretto da Petronilla a frequentare gli ambienti dellaborghesia, a lui poco graditi.
Nonostante indossi per forma, sempre e comunque,cilindropanciotto e cravatta, Arcibaldo è rimasto legato alle gioie della vita semplice, come deliziarsi davanti ad uno stufato di cavoli o prendere parte al bar con gli amici ad una partita di bigliardo o carte: un carattere contrapposto alle manie di grandezza della boriosa e goffa Petronilla!
Per finire con quelli più vicini al nosro tempo.

I mitici Puffi
Ten Ten











La Pimpa                                Stefy













Ed altri di cui non ho trovato più traccia. C'erano dei Topi, ad esempio Antracite e...la memoria. Ehi ragazzi d'un tempo mi date una mano?
Anche con i vostri ricordi del Corriere dei Piccoli.


0 commenti a Corriere dei Piccoli:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment