Fiera del libro Torino
I ROMANZI e le FAVOLE di Nicoletta - Con la FANTASIA puoi essere Ovunque e Chiunque
RSS Segui Diventa fan

Articoli recenti

Perché si dice...?
Finalisti premio STREGA 2014
MO YAN
Povero lupo
ELIZABETH GEORGE

Categorie

Divagazioni
ESORDIENTI
EVENTI
fantascienza
favole
Giallo
Grandi di ogni epoca
Libri e libri
Lingua italiana
Modi di dire
neologismi
NOVITA' IN LIBRERIA
Ora
paranormale
PAROLE DIFFICILI
Scrittori
Viaggio nella scrittura
Video
powered by

Il blog di Nicoletta Niccolai

Fiera del libro Torino


Il 18 maggio 1988 si inaugurava a Torino Esposizioni il primo Salone del Libro. Dal 10 al 14 maggio 2012 il Salone festeggia i suoi primi venticinque anni. Un quarto di secolo in cui il Salone ha accompagnato Torino nella metamorfosi forse più epocale e profonda che la città abbia conosciuto. 
 L’identità economica e produttiva, da città-fabbrica della produzione di beni materiali a città che genera e scambia conoscenza. La rivoluzione sociale e demografica con l’arrivo di nuovi cittadini da tutto il mondo. L’inversione a U dell’immagine della città nell’autopercezione e nel sentiment collettivo italiano e internazionale. I grandi eventi, le forme e i luoghi della socialità. Il ridisegno urbano con il recupero di spazi e contenitori inediti. La creatività e la riscoperta di antiche o nuove vocazioni come quella dell’arte, del cinema, dello spettacolo, del turismo. E anche l’etichetta di «città-laboratorio», che Torino si è sempre cucita addosso piuttosto volentieri, e che oggi appare decisamente troppo ripetuta per non essere sottoposta a un’opportuna verifica. Per leggere in modo dinamico e non autocelebrativo questi venticinque anni, e al tempo stesso gettare lo sguardo avanti sulla metropoli che sarà due importanti realtà in prima fila nella promozione del libro e della lettura hanno unito le forze in una grande avventura: il Salone Internazionale del Libro e il Circolo dei lettori. Insieme hanno ideato il progetto La Città Visibile. Torino 1988-2012 >>. Proprio con il segno >> che negli audiovisivi rappresenta l’«avanzamento veloce». Il titolo, ovviamente, riecheggia e ribalta quello delle Città invisibili di Italo Calvino. Se infatti Calvino occultava dietro metafore urbane sospese tra fiaba e fantascienza gli incubi e le contraddizioni della vita contemporanea, qui la città si fa visibile, trasparente: vuole svelarsi e raccontarsi in un vivace contrappunto di voci, immagini, suoni, idee. La Città Visibile è un progetto articolato in tre momenti. Parte a febbraio e culmina al Salone a maggio: una vera e propria road map di avvicinamento all’edizione del venticinquennale. Da febbraio ad aprile sette incontri a ingresso libero al Circolo dei lettori. 
Al Salone, a maggio, una mostra con i venticinque oggetti-simbolo della Torino di questi anni: dall’mp3 di Leonardo Chiariglione allo zainetto Invicta, le possibili icone del cambiamento raccontate ognuna da un testimone. E ancora al Salone il ciclo di incontri Lo sguardo obliquo: la Torino vista da fuori, come ci vedono gli occhi degli altri. 

0 commenti a Fiera del libro Torino:

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment