Johannes Gutenberg
I ROMANZI e le FAVOLE di Nicoletta - Con la FANTASIA puoi essere Ovunque e Chiunque
RSS Segui Diventa fan

Articoli recenti

Perché si dice...?
Finalisti premio STREGA 2014
MO YAN
Povero lupo
ELIZABETH GEORGE

Categorie

Divagazioni
ESORDIENTI
EVENTI
fantascienza
favole
Giallo
Grandi di ogni epoca
Libri e libri
Lingua italiana
Modi di dire
neologismi
NOVITA' IN LIBRERIA
Ora
paranormale
PAROLE DIFFICILI
Scrittori
Viaggio nella scrittura
Video
powered by

Il blog di Nicoletta Niccolai

Johannes Gutenberg

Il carattere mobile di J. Gutenberg (1400-1468).
 
La diffusione del libro cresceva ed il lavoro degli amanuensi e dei copisti altrettanto; fin quando Johannes Gutenberg di Magonza (Germania), inventò il carattere mobile.
Il carattere mobile sostituiva comunque un procedimento più lungo e complesso che consisteva nello scolpire con sgorbie e bulini in unici blocchi di legno intere matrici di stampa sulle quali venivano torchiati i fogli da stampare: le cosiddette xilografie che restarono  in uso, anche dopo l’avvento del carattere mobile, per l’ esecuzione di illustrazioni artistiche.
 

L’invenzione del carattere mobile si basava sulla realizzazione di caratteri in una leggera lega metallica per mezzo di matrici in legno, preventivamente scolpite in “negativo” in cui si versava il metallo fuso, che potevano essere poi disposti in maniera allineata grazie a delle forme-guida (compositoi) che permettevano di comporre intere pagine.
 
Il compositoio era posto su un torchio che pressava lo stesso non prima di averci messo sopra il foglio di carta.
Carattere mobile e torchio  furono l’invenzione che stravolsero la stampa intorno il 1455, periodo in cui Gutenberg pubblicò la Bibbia delle 42 linee, cosiddetta perché conta 42 righe per colonna con un totale di 1.282 pagine per 180 copie delle quali oggi ne restano solo 48 sparse in alcune delle principali biblioteche e musei del mondo (in Italia ve ne sono 3 copie nella Biblioteca Apostolica Vaticana).


Mentre la Magonza di Gutenberg custodiva ancora i segreti del nuovo processo di stampa, nel resto d’Europa sopravvivevano gli incunaboli, le xilografie, le acqueforti, almeno fino al 1550 ca.
 Animate vicissitudini politiche (il sacco di Magonza), fecero sì che gli allievi di Gutenberg si disperdessero per l’Europa diffondendo le nuove tecniche di stampa nelle città di dove si trasferirono: Strasburgo, Basilea, Zurigo, Augusta, Ulm, Norimnerga e, in Italia nella prima tipografia impiantatasi a Subiaco fu stampato nel 1465 il De Oratore di Cicerone.
A Napoli, nel 1470, fu Sisto Riessinger ad aprire la prima tipografia.
Ma si deve all’opera di Aldo Manuzio la sostituzione del carattere gotico, col quale si erano fino allora stampati i libri, con quello latino ed il corsivo.


0 commenti a Johannes Gutenberg :

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment