LIALA
I ROMANZI e le FAVOLE di Nicoletta - Con la FANTASIA puoi essere Ovunque e Chiunque
RSS Segui Diventa fan

Articoli recenti

Perché si dice...?
Finalisti premio STREGA 2014
MO YAN
Povero lupo
ELIZABETH GEORGE

Categorie

Divagazioni
ESORDIENTI
EVENTI
fantascienza
favole
Giallo
Grandi di ogni epoca
Libri e libri
Lingua italiana
Modi di dire
neologismi
NOVITA' IN LIBRERIA
Ora
paranormale
PAROLE DIFFICILI
Scrittori
Viaggio nella scrittura
Video
powered by

Il blog di Nicoletta Niccolai

LIALA

Premetto che non ho mai amato il genere romantico  romantico ma, per equità, è giusto vi presenti una di una di quelle autrici che ha fatto innamorare, nel corso di decenni, migliaia di lettrici in tutta Italia,  dall’inizio degli anni trenta fino ai nostri giorni.
Amalia Liana Cambiasi Negretti Odescalchi  è conosciuta dal grande pubblico semplicemente come LIALA
Forse le storie, forse o stile accattivante, toccante, elegante e ricco di particolari che permette al lettore (meglio alle lettrici) di vedere ciò che la scrittrice ha scritto,  ha fatto di lei un pilastro del genere ROSA.

Liala è nata a Carate Lario nel 1897 ed è morta a Varese nel 1995
Fu Gabriele D'annunzio a coniare per lei il nome Liala con cui la scrittrice firmò tutte le sue opere: «Ti chiamerò Liala perché ci sia sempre un'ala nel tuo nome».


Si sposò giovanissima con un uomo di 17 anni più anziano di lei ma il matrimonio naufragò presto quando Liala incontrò il marchese Vittorio Centurione Scotto, un ufficiale della aeronautica , che fu il grande amore della sua vita. La loro storia d'amore però finì presto. Centurione morì nel 1926, quando, con il suo idrovolante, durante un allenamento per la coppa Schneider, precipitò nel Lago di Varese. Per superare il dolore Liala cominciò a scrivere e nel 1931 pubblicò il suo primo romanzo Signorsì
 La prima edizione, pubblicata da Mondadori, andò esaurita in 20 giorni. Quasi tutti i libri di Liala si svolgono nell'ambiente militare, che lei conosceva e amava tanto. I protagonisti maschili sono spesso audaci e valorosi, come il nobile Vittorio Centurione Scotto o Pietro Sordi altro suo legame sentimentale. Successivamente al 1950, la sua opera si rivolge al mondo della pura fantasia narrativa e non fa più riferimento a luoghi, fatti o personaggi di realtà (Gregoricchio, 1981), salvo qualche ritorno alle pagine autobiografiche proprie del personaggio Liala, come in Diario vagabondo. Nell'ottobre 2007, è stato pubblicato da Sonzogno Con Beryl, perdutamente, l'ultimo romanzo inedito di Liala. Iniziato negli anni settanta, interrotto a causa della cecità, è stato completato da Marriù Safier  sulla base del racconto che Liala aveva affidato alla figlia, delineandone anche il finale. 

OPERE: 

  •  Signorsì
  • Sette corna,  
  • L'ora placid
  • Fiaccanuvole
  • Buona fortuna. 
  • Storia di un cavallo, di un cane e d'un amore
  • Peregrino del ciel
  • L'arco nel cielo


  • Brigata di ali
  • La casa delle lodole
  • Farandola di cuori
  • Sotto le stelle
  • Il tempo dell'aurora 
  • Con l'anima a volo. 
  • Novelle
  • Dormire e non sognare
  • Donna delizia
  • Lalla che torna 
  • Il velo sulla fronte 
  • Il Pianoro delle ginestre






  • Il Sole se tramonta può tornare 
  • I Gelsomini del plenilunio 
  • Ritorna malinconia 
  • Una rosa lungo il fiume 
  • L'azzurro nella vetrata 
  • Non crescon fiori per Abigaille 
  • Diario vagabondo 
  • Il Vento inclina le fiammelle 
  • Il peccato di Guenda 
  • Sottovoce o mia Niny 
  • La compagna velata 
  • Melodia dell'antico amore 
  • Quel divino autunno 





  • Le Creature dell'alba 
  • La Più cara sei tuAmata 
  • Non dimenticare 
  • Lietocolle 

  • Good-bye sirena 
  • Di ricordi si muore 
  • Una Notte a Castelguelfo 
  • La Sublime arte di amare 
  • Foglie al vento 
  • Con Beryl, perdutamente 





  • Ombre di fiori sul mio cammino 
  • Frantumi di arcobaleno 
  • Vecchio Smoking 
  • Riaccendi la tua Lampada,Gipsy 
  • Il palazzo innamorato 
  • Per ritrovare quel bacio 
  • Una carezza e le strade del mondo 
  • Un ballerino in paradiso   



7 commenti a LIALA:

Commenti RSS
Laura Negretti on martedì 26 marzo 2013 13:01
Teatro Sociale di Como 5 Aprile h 20.30 ANTEPRIMA NAZIONALE Amalia Liana Cambiasi Negretti Odescalchi IN ARTE LIALA Una storia vera da Gabriele D’Annunzio ad Aldo Busi Regia e Drammaturgia Marco Filatori - Scenografia Armando Vairo - Progetto teatrale Laura Negretti - Assistente alla regia Manuela Maffina Con Alessandro Baito - Maddalena Balsamo - Antonio Grazioli - Franco Maino - Laura Negretti Produzione Teatro in Mostra - Como Dici Liala e subito il mondo si tinge di rosa, sia che tu abbia divorato tutti i suoi libri ma anche se ne hai sentito semplicemente parlare e magari, a volte, con un malcelato sorriso di superiorità sulle labbra; eppure non è poca cosa riuscire a far associare il proprio nome ad un colore, trasformandolo quasi in un aggettivo! Una bella rivincita per una scrittrice a lungo dimenticata dalla critica ma che con le sue parole ha saputo incantare milioni di appassionate lettrici di ogni generazione e di ogni epoca. Non si diventa la scrittrice più letta d’Italia per puro caso, deve esserci qualcosa che ti sprona e che ti sostiene, qualcosa di così immenso da diventare il centro della tua vita: ed il centro della vita di Liala era l’Amore, l’amore con l’A maiuscola; passionale, elegante, dolce, travolgente, fatale, fatto di baci sospirosi e palpiti del cuore, in una parola romantico! Niente a che vedere con i succinti e discinti resoconti al silicone delle eroine in stile Sex and the City o con le insulse goffaggini delle varie Bridget Jones. Amalia Liana Cambiasi Negretti Odescalchi nasce nel 1897 sul Lago di Como a Carate Lario; infanzia e adolescenza da signorina bene. Giovanissima sposa il Marchese Pompeo Cambiasi più vecchio di 17 anni, ma il vero amore travolge per la prima volta la vita di Liana, quando il suo sguardo incrocia quello del marchese Vittorio Centurione Scotto, valoroso ufficiale della Regia Aeronautica. Lo stesso amore la trascina pochi anni dopo alla disperazione quando l’adorato Vittorio muore tragicamente precipitando con il suo idrovolante nel Lago di Varese; per Liana è una tragedia che quasi la porta alla pazzia. Trascorre mesi ed anni malinconici fino a quando scopre che solo scrivendo può rivivere i giorni felici con il suo adorato aviatore ed il suo cuore straziato diventerà così la sua più grande fonte d’ispirazione; decine e poi centinaia di pagine che ben presto si trasformano in un romanzo. Il desiderio di far vivere in eterno il suo amore per Vittorio riuscirà poi a darle il coraggio e la sfrontatezza di presentarsi all’editore Arnoldo Mondadori. Immaginate la scena: inizio degli anni Trenta, una giovane ragazza di provincia con una massa di capelli fulvi che le ricadono sulle spalle, stringe con foga tra le mani un dattiloscritto e seduto dietro alla scrivania il grande Arnoldo Mondadori, uno dei padri dell’editoria italiana: “L’ho scritto per non impazzire” e poi sfrontata aggiunge: “Ho fatto la seconda e la terza parte del romanzo…se lei me lo pubblica lo comincio anche!” l’editore incuriosito accetta di pubblicare il romanzo. Venti giorni dopo la pubblicazione Mondadori telegrafa sbalordito: “Il romanzo è esaurito!”. Quel romanzo era Signorsì e da allora ne sono state vendute solo in Italia più di tre milioni di copie! Sarà di nuovo l’amore ad attrarre l’attenzione di Gabriele D’Annunzio; l’amore di Liana per gli aerei. Il Vate incuriosito accetta di conoscere questa giovane dalla scrittura elegante, così simile a certe sue prose, e che sembra sapere tutto di volo, motori, idrovolanti e al momento della dedica scrive: "A Liala, compagna d’ali e d’insolenza!” Così come, molti anni dopo, un irriverente e tenero omaggio d’amore sarà quello che Aldo Busi dedicherà a Liala, diventata nel frattempo un’icona; un libro-intervista alla signora che con volontà ferrea e carattere unico ha saputo far sognare e sospirare le donne dell'Italia intera per generazioni, formando con la sua nutrita produzione di libri una vera e propria fabbrica del genere romantico. E all’amore resterà sempre fedele, pagina dopo pagina, libro dopo libro; per non tradire le sue lettrici che in quell’amore credevano. Nel frattempo la massa di capelli fulvi si è trasformata in raffinata messa in piega bianca ma le mani, se guardate con attenzione le foto che la ritraggono, sono rimaste le stesse; lunghe, eleganti, belle e sempre pronte a ticchettare baldanzose sui tasti della macchina da scrivere dispensando ondate rosa confetto di amore romantico. La vita di Liana ha cominciato ben presto ad assomigliare veramente ad un romanzo di Liala ed è questo che ci ha convinto a mettere in scena la sua vera storia, ma non solo; ci vuole talento per vendere sogni e a quel talento vogliamo rendere omaggio. INFO E PRENOTAZIONI INFOLINE 031.270170 info@teatrosocialecomo.it TEATROSOCIALECOMO.IT
Rispondi a un commento
 
top replica hublot watches in uk on lunedì 17 marzo 2014 13:51
Devo convenire che avevate creato una composizione vincitrice! Non vedo l'ora di leggere il tuo prossimo post. Ciò significa che il vostro prossimo lettore chiederà: "Cosa farai scrivere la prossima settimana che si sveglia la mia curiosità?" Spero che la tua risposta a questa domanda, è un posto interessante blog.


essay samples on lunedì 24 febbraio 2014 11:44
I acknowledge your writing, but whether your post itself is long or short, it will be easier to read and understand if the paragraphs and sentences are short and the words are recognizable. It may be tempting to write in as creative and enigmatic a style as you can.
Rispondi a un commento


essays on lunedì 24 febbraio 2014 11:45
Riconosco la tua scrittura, ma se il tuo post è lungo o corto, sarà più facile da leggere e capire se i paragrafi e le frasi sono brevi e le parole sono riconoscibili. Si può essere tentati di scrivere creativo ed enigmatica uno stile, come si può.
Rispondi a un commento


Mckenna on venerdì 10 marzo 2017 03:15
Ӏ am actuallу grateful to the owner of this site who has shaгed tһis great post at here.
Rispondi a un commento


Scantlebury on sabato 1 aprile 2017 12:18
Wаy cool! Some veгy valid points! I appreciate you writing this article and also the rest of tҺe site is extremely good.
Rispondi a un commento


Baxley on giovedì 6 aprile 2017 07:15
Hi tҺere, I dіscovered your web site by means of Googⅼe even as searching for a related matter, your web site got here up, it seems great. I've bookmarkеd it in my google bookmarks. Hi there, just tսrned іnto alert to уour blog via Google, and found that it's really informative. I am going to ԝatch out for brussels. I will be grateful should yoᥙ continue thіs in future. Numerous other people wiⅼl Ьe benefited out of your writing. Cheers!
Rispondi a un commento

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment