NEOLOGISMI (1)
I ROMANZI e le FAVOLE di Nicoletta - Con la FANTASIA puoi essere Ovunque e Chiunque
RSS Segui Diventa fan

Articoli recenti

Perché si dice...?
Finalisti premio STREGA 2014
MO YAN
Povero lupo
ELIZABETH GEORGE

Categorie

Divagazioni
ESORDIENTI
EVENTI
fantascienza
favole
Giallo
Grandi di ogni epoca
Libri e libri
Lingua italiana
Modi di dire
neologismi
NOVITA' IN LIBRERIA
Ora
paranormale
PAROLE DIFFICILI
Scrittori
Viaggio nella scrittura
Video
powered by

Il blog di Nicoletta Niccolai

NEOLOGISMI (1)

Siete sicuri di conoscere le nuove parole della lingua italiana? Quelle entrate nel linguaggio comune?
Ho fatto una ricerca e ho scoperto che sono moltissime.
Da oggi studiamone qualcuna insieme.

Andragogia 

Specularmente al termine pedagogia utilizzato per i bambini, questo termine si riferisce a quella teoria che tratta dell’educazione e dell’apprendimento specifico di persone adulte. Il suo fulcro sta nel prendere atto che le necessità e gli interessi di conoscenza di un adulto sono diversi da quelli di un bambino e pertanto diversamente vanno trattati. Il guru di tale disciplina è l’americano Malcom Knowles, che definisce i 5 punti cardine del metodo: il bisogno di conoscenza; l’autonomia; l’esperienza; la vita reale e le motivazioni legate all’autostima.   

Antiglobal 

Anche no global, ovvero gruppi o soggetti che contestano la globalizzazione economica e tutto ciò che a questa è direttamente collegato. La globalizzazione è quel fenomeno di intreccio di relazioni e scambi nei molti ambiti del circuito mondiale: dal 1981 con questo termine si identificano gli scambi commerciali nel mondo, la facilità dei contatti commerciali e finanziari senza problemi di frontiere o di barriere linguistiche, ma a tutto questo si è aggiunto anche il pensiero globale, ovvero lo stile di vita che livella ogni cosa in nome di una diffusione a macchia d’olio senza controlli di alcun tipo. Antiglobal dunque è l’aggettivo che designa chi si oppone a tutto questo nel nome della tradizione e dell’appartenenza a costumi e abitudini che dovrebbero mantenersi differenziate.  

Advertising 

Termine inglese prestato alla nostra lingua, advertising deriva direttamente dal verbo to advertise, (“segnalare”, “rendere noto” e dunque, per estensione, “fare pubblicità”), che a sua volta proviene dal verbo latino advertere, composto dalla particella di moto a luogo “ad” e dal verbo “vertere”, “volgersi”. Il significato originario è dunque quello di “rivolgersi a” qualcosa, e dunque, in senso figurato, “rivolgere la propria attenzione verso qualcosa”. Questo è esattamente lo scopo primario della pubblicità: attirare l’attenzione del consumatore verso un determinato prodotto o servizio. Nell’uso italiano la parola advertising indica appunto l’insieme delle attività connesse alla pubblicità, sia per quanto riguarda il processo creativo e organizzativo, sia per quanto riguarda il prodotto finale, proposto indifferentemente da qualsiasi mezzo di comunicazione.  

Addare 

Termine tipicamente informatico che nasce col web 2.0 e si fortifica con con l'ascesa dei Social Network.Addare è quell'azione grazie alla quale, in un blog o in un profilo pubblico, si aggiungono altri utenti come 'Amici'. Il termine, opportunamente italianizzato, deriva dal verbo inglese 'To Add' (aggiunggere).  

  

Arboriano    

L’aggettivo fa  riferimento allo stile di Renzo Arbore, cantante, attore e showman pugliese che ha segnato profondamente la scena italiana sin dagli anni Sessanta del Novecento. Le sue trasmissioni geniali, esplosive e irriverenti impressero nell’immaginario collettivo personaggi, espressioni e modi di dire che permangono tuttora. Lo stile arboriano rimanda a tutto ciò che è innovativo e fuori dagli schemi, creativo, ironico e divertente senza mai rendersi volgare, offensivo o eccessivamente sguaiato. Arboriani sono quei personaggi un po’ grotteschi, simili a quelli proposti dall’artista, che nei loro difetti riflettono quelli dell’Italia. Si definisce arboriana quella comicità leggera e scanzonata, più divertita che ammiccante, che anche nei doppi sensi rimane velata e non cede agli eccessi.    

Anonimizzare 

Verbo che ha il suo etimo in anonimo, cioè senza identità, o con identità nascosta a cui non si può risalire.Anonimizzare si utilizza con il significato di navigare in internet tenendo nascosto il proprio IP e per fare questo ci sono dei programmi che mantengono l’indirizzo IP celato. Il procedimento per avere una connessione anonima è abbastanza complesso, ma dopo tale mascheramento risulta molto difficile identificare l’utente che si è anonimizzato – la polizia può riuscirci. La necessità di anonimizzarsi? Nessuna se no si ha nulla da nascondere, ma nonostante ciò il vocabolo è entrato prepotentemente nel nostro linguaggio comune.

0 commenti a NEOLOGISMI (1):

Commenti RSS

Aggiungi un commento

Nome:
Indirizzo e-mail: (obbligatorio)
Sito web:
Commento:
Ingrandisci il tuo testo, trasformalo in grassetto, corsivo e applica tanti stili diversi con le tag HTML. Ti mostriamo come.
Post Comment